Paese che vai… caffè che trovi

Con tuorlo d’uovo, pepe o, perché no, aromatizzato al cardamomo: le più strane ricette a base di caffè scovate in giro per il mondo

Chi l’ha detto che il vero caffè è solo espresso?

Nella storia i diversi popoli sedotti dalla famosa bevanda scura hanno personalizzato la classica ricetta, adattandola ai propri gusti. Seppure taluni accostamenti potrebbero sembrarci un po’ audaci, il caffè viene sempre vissuto come un rito, sinonimo di comunione e condivisione.

Vediamo alcune varianti:

  • Austria: il Wiener Melange è composto da una parte di espresso [Mokka] e una di latte, con una guarnizione di schiuma di latte. Si differenzia dal classico cappuccino per una base di caffè più lungo e una tostatura più leggera;
  • Argentina: dal particolare nome evocativo, il Cafè lagrima si prepara con latte caldo e una lacrima di caffè;
  • Cuba: dal sapore intenso e dolce, il Cafè cubano è una miscela di zucchero integrale di canna e di caffè macinato, preparato nella classica moka da caffè del posto;
  • Finlandia: kaffeost è una parola composta da kaffe [caffè] + ost [formaggio], ‘latticino da caffè’. Infatti questa bevanda si gusta con pezzetti di leipäjuusto, un formaggio tipico della Lapponia prodotto con latte di mucca o di renna, sciolti sul fondo della tazza;
  • Germania: i tedeschi si dividono tra gli specialisti dell’Eiskaffee, un dessert preparato con caffè, panna, gelato alla vaniglia e cacao e i bevitori del Pharisäer, un caffè corretto con abbondante rhum;
  • Giappone: il caffè in lattina, o nella lingua di origine Kan Kōhī, va molto di moda sia nella variante calda, in inverno, che in quella ghiacciata, in estate;
  • Irlanda: il famoso Irish Coffee è un caffè caldo, zuccherato, corretto con Whiskey irlandese e con uno strato di panna sulla superficie;
  • Messico: il Cafe de Olla viene preparato in una pentola [olla] di terracotta, per infusione dei chicchi di caffè macinati grossi o interi in acqua calda, è aromatizzato con stecche di cannella (e talvolta con anice stellato e scorza d’arancia) e zuccherato con piloncill;
  • Scandinavia: il Karsk è una sorta di cocktail di caffè con moonshine o vodka e, a volte, un cucchiaio di zucchero;
  • Senegal: il caffè Touba è aromatizzato con chiodi di garofano e jarr, il pepe di Guinea, secondo una tradizione molto antica, e usato, in passato, anche come medicinale;
  • Turchia: il Türk Kahvesi ha una consistenza “sciropposa” e si gusta aggiungendo varie spezie, come, ad esempio, il cardamomo;
  • U.S.A.: il vero American Coffee si estrae per infusione da una particolare miscela, ottenendo un caffè lungo, ma molto intenso e ricco di caffeina;
  • Vietnam: il Cà phê trứng, o caffè all’uovo, contiene tuorlo d’uovo di gallina, zucchero, latte condensato e caffè robusta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *